Vai al contenuto

Alberto Angela: l’uomo ideale fra cultura e fascino

Alberto Angela: l’uomo ideale fra cultura e fascino

Lo conosciamo tutti per essere il volto della conoscenza e sapienza italiana in televisione. Degno erede del padre Piero, Alberto Angela conduce egregiamente Ulisse – il piacere della scoperta -, in onda su Rai 3 e Passaggio a nord ovest, in onda su Rai 1. Alberto però è più che un semplice conduttore: oltre ad essere un paleontologo e giornalista di grande successo, è anche il sogno erotico delle donne che al posto di una scarpiera preferiscono una libreria.

Altro che tronisti

Scherzi a parte, Alberto Angela pare essere davvero l’uomo ideale che ogni donna vorrebbe. Affascinante, intelligente e di grande cultura. Se la televisione è piena di tronisti lampadati e “gieffini” dalle sopracciglia ad ali di gabbiano, le italiane sembrano comunque preferire un Alberto Angela che ci scaldi le coperte. Dal sorriso smagliante e sempre gentile, sembra proprio il tipo di uomo che aprirebbe la porta della sua donna, anche dopo 10 anni di matrimonio.
Lo sapete che la sera che è andato in onda il film “50 sfumature di grigio”, di certo Ulisse non ha battuto lo share della pellicola in onda su Mediaset, ma è stato però il programma più discusso sui social, tanto che è stato creato l’hashtag #50sfumaturedicultura.

alberto-angela-2

Il degno erede

Di figli che hanno provato a seguire le orme del padre e hanno fallito miseramente ne è pieno il mondo e anche in Italia ne possiamo contare diversi. Come il dj Francesco Facchinetti, figlio di Roby che, dopo aver inciso una canzone, ha capito che era meglio darsi ad altro. Cristiano De Andrè, figlio della leggenda Fabrizio, anch’esso cantautore, ma certamente inarrivabile ai livelli del padre.
Piero Angela invece può reputarsi fortunato perché suo figlio ha reso lustro al suo nome e a tutto ciò che rappresenta nell’ideale italiano, ovvero la conoscenza divulgata al popolo. E certo è che se quando andavamo a scuola avessimo avuto un insegnante bello così, sicuramente la storia l’avremmo imparata meglio.