Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Addio a Sandra Milo: muore a 90 la musa di Fellini

Addio a Sandra Milo: muore a 90 la musa di Fellini

Fonte Foto Facebook.com

Con immenso affetto diciamo addio a Sandra Milo: è morta a casa sua e circondata dall’amore dei suoi cari.

Una donna, una diva, una icona: non la dimenticheremo mai!

Ma chi era davvero Sandra Milo? In molti la conosceranno per l’iconico video “Chi Ciro?” in cui, vittima di un macabro scherzo telefonico in diretta, piangeva disperata credendo che il figlio avesse avuto un incidente.

Ma Sandra è stata una vera diva di altri tempi, musa di Federico Fellini, che amava chiamarla “Sandrocchia“. Nata a Tunisi l’11 marzo 1933, Salvatrice Elena Greco, è stata attrice, conduttrice televisiva e negli ultimi anni amatissima protagonista di numerosi programmi tv.

Padre siciliano e madre toscana, Sandra Milo si trasferisce da giovanissima con la famiglia a Viareggio. Qui a solo 15 anni sposa il marchese Rodighiero, da cui però si separa dopo meno di 1 mese dalle nozze.

La sua carriera cinematografica inizia con Alberto Sordi nel 1955 nel film “Lo scapolo“, e diventa subito un’icona di sensualità e bellezza grazie alle sue forme morbide e al broncio da eterna bambina.

Numerosissimi i film a cui ha preso parte e i grandi registi che l’hanno scelta: da Rossellini a De Filippo, da De Sica a Fellini appunto, con cui ebbe anche una relazione clandestina.

La sua vita sentimentale è stata segnata da eventi traumatici, come la perdita di un figlio e la nascita prematura della figlia Azzurra, la cui guarigione è stata riconosciuta come miracolo dalla Chiesa durante il processo di beatificazione di suor Maria Pia Mastena.

Negli anni ’80 approda in tv con un programma televisivo per bambini, e per molti anni si avvicendò fra Rai e Fininvest. Poi teatro, fiction tv, ma anche partecipazioni a reality come l’Isola dei Famosi e Quelle brave ragazze, con Mara Maionchi ed Orietta Berti.

Una vita incredibile, da vera diva e da donna straordinaria a cui va il nostro saluto e tutto il nostro amore. Addio Sandra!

Argomenti