x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Borse Vuitton: dove comprarle per pagarle meno

Avrete sicuramente sentito parlare dello scalpore che ha fatto la tanto chiaccherata Brexit, ovvero l’uscita della Gran Bretagna dall’unione europea. Ebbene non siamo qui per parlare dei vantaggi e degli svantaggi dei cittadini inglesi e nemmeno degli italiani che hanno deciso di emigrare; ma bensì di una notizia che vi farà prenotare immediatamente un volo per la capitale britannica.

Euro e sterlina

Che il cambio euro sterlina, sia svantaggioso per noi, lo si sa da sempre, ma potrebbe non essere così per tutto. Londra è una delle città più care al mondo per un turista, e lo shopping sfrenato potrebbe non essere così parsimonioso, ma le cose potrebbero essere cambiate e non avere più il suo prezzo; signore stiamo parlando del mercato dei beni di lusso, ovvero nomi come Louis Vuitton, Chanel, Gucci e tutti quelli che certamente conoscete. A quanto pare dall’uscita dall’unione europea la sterlina ha perso il 17% rispetto al dollaro, da giugno. Secondo una ricerca condotta dal Wall Street Journal, ad esempio, una Speedy 30 del noto marchio parigino, costa 645£, ovvero 802$; comparato ai 760€ in Francia, ovvero 850$, ai 970$ a New York e addirittura a 7450 ¥ in Cina, ovvero ben 1115$.

shopping-lusso

Economia inglese

Dopo la brexit, in realtà quasi tutta la realtà del mercato dei beni di lusso ha avuto un crollo, come testimoniano anche i prezzi per altri articoli come il Dress Fringe Foulard di Balenciaga, che attualmente costa 400$ in meno nel Regno Unito, rispetto agli Stati Uniti. Un altro esempio può essere un Brunello Cucinelli cashmere con scollo a V da uomo, che comparato in dollari costa 843$ in Gran Bretagna, 942$ in Francia e 995$ negli States.
Myf Ryan, il capo marketing dei centri commerciali Westfield di Londra, ha detto che “ora il 64% dei prodotti di lusso, sono più convenienti nel Regno Unito che altrove”; ed ancora “se entro sei, dodici mesi la situazione della sterlina non dovesse cambiare, anche gli altri brands, dovranno adeguare i loro prezzi”.