x

Vai al contenuto
Messaggio pubblicitario

Come comunicare con il partner in modo efficace

coppia che comunica

La comunicazione è uno degli aspetti più importanti di una relazione di coppia. Comunicare bene con il proprio partner significa non solo esprimere i propri pensieri, sentimenti e bisogni, ma anche ascoltare, capire e rispettare quelli dell’altro. Una comunicazione efficace favorisce l’intimità, la complicità, la fiducia e la soddisfazione nella coppia. Al contrario, una comunicazione scarsa o distorta può generare conflitti, incomprensioni, frustrazioni e allontanamento.

Ma come si fa a comunicare con il partner in modo efficace? Quali sono le regole e le strategie da seguire per migliorare la qualità della comunicazione nella coppia? In questo articolo, ti daremo alcuni consigli pratici per costruire un dialogo costruttivo e arricchente con il tuo partner.

Chiedi e non pretendere

Uno dei principi fondamentali della comunicazione efficace nella coppia è chiedere e non pretendere. Spesso, infatti, si tende a dare per scontato che il partner debba sapere cosa vogliamo o cosa ci fa stare bene, senza esprimerlo chiaramente. Questo può portare a delle delusioni o a delle richieste aggressive che non fanno altro che peggiorare la situazione. Invece di dire “Dovresti fare questo” o “Non fai mai quello”, è meglio chiedere gentilmente al partner cosa possiamo fare per lui o lei e cosa vorremmo che facesse per noi. Ad esempio: “Ti andrebbe di uscire stasera?” o “Mi piacerebbe che mi dessi più attenzione quando ti parlo”.

Fai domande e non accusare

Un altro errore comune nella comunicazione di coppia è accusare l’altro di qualcosa senza averne la certezza o senza averlo ascoltato. Questo può scatenare delle reazioni difensive o aggressive che non aiutano a risolvere il problema. Invece di dire “Mi hai mentito” o “Non ti fidi di me”, è meglio fare delle domande aperte che permettano all’altro di spiegarsi e di chiarire la situazione. Ad esempio: “Perché mi hai detto questo?” o “Cosa ti fa pensare che non ti fidi di me?”.

Critica il comportamento e non la persona

Quando si ha un disaccordo o un conflitto con il partner, è importante esprimere il proprio punto di vista e le proprie emozioni, ma senza offendere o denigrare l’altro come persona. Criticare il comportamento e non la persona significa focalizzarsi su ciò che l’altro ha fatto o non ha fatto, e su come ci siamo sentiti in seguito, senza attribuirgli delle etichette negative o dei giudizi globali. Ad esempio: “Non mi è piaciuto che tu mi hai interrotto mentre parlavo” o “Mi sono sentito ferito quando mi hai ignorato” sono critiche al comportamento. Invece, “Sei maleducato” o “Sei insensibile” sono critiche alla persona. Da evitare, inoltre, la scelta di rimanere in silenzio: in tal caso si potrebbe innescare un meccanismo rancoroso e poco proficuo.

Fornisci apprezzamenti

come comunicare con il partner

La comunicazione efficace nella coppia non si basa solo sulle critiche o sui reclami, ma anche sugli apprezzamenti e sui complimenti. Riconoscere i lati positivi del partner, le sue qualità, i suoi sforzi e i suoi gesti d’amore è fondamentale per rafforzare il legame, l’autostima e la motivazione nella coppia. Fornire apprezzamenti significa esprimere verbalmente o non verbalmente ciò che ci piace del partner, ciò che ci fa stare bene con lui o lei, ciò che ammiriamo o apprezziamo di lui o lei. Ad esempio: “Ti ringrazio per avermi aiutato con le faccende di casa” o “Mi piace come ti vesti oggi” sono apprezzamenti.

Chiedi gratificazioni

Oltre a fornire apprezzamenti, è importante anche chiedere gratificazioni al partner. Chiedere gratificazioni significa esprimere al partner i nostri bisogni e le nostre aspettative in termini di affetto, attenzione, sostegno, comprensione, ecc. Spesso, infatti, si tende a dare per scontato che il partner sappia cosa ci fa stare bene o cosa ci fa sentire amati, senza comunicarglielo esplicitamente. Questo può portare a delle frustrazioni o a delle insoddisfazioni nella coppia. Invece di dire “Non mi ami” o “Non mi dai mai quello che voglio”, è meglio chiedere al partner cosa possiamo fare per farlo sentire amato e cosa vorremmo che facesse per noi. Ad esempio: “Mi daresti un abbraccio?” o “Mi piacerebbe che mi dicessi che mi ami”.

Esprimi “tutti” i tuoi sentimenti

La comunicazione efficace nella coppia, anche nel caso in cui ci si trovi in una relazione a distanza, implica anche l’espressione di tutti i sentimenti che proviamo nei confronti del partner, sia quelli positivi che quelli negativi. Esprimere i sentimenti positivi, come l’amore, la gioia, la gratitudine, ecc., è importante per condividere le emozioni e per rafforzare il legame nella coppia. Esprimere i sentimenti negativi, come la rabbia, la tristezza, la paura, ecc., è importante per liberarsi delle tensioni e per risolvere i problemi nella coppia. Esprimere i sentimenti significa usare il linguaggio verbale e non verbale per comunicare al partner come ci sentiamo in relazione a lui o lei, a noi stessi o alla situazione. Ad esempio: “Sono felice di stare con te” o “Sono arrabbiato per quello che hai fatto” sono espressioni di sentimenti.

Rendi congruenti la comunicazione verbale, para verbale e non verbale

La comunicazione efficace nella coppia richiede anche la congruenza tra la comunicazione verbale, para verbale e non verbale. La comunicazione verbale è quella che si basa sulle parole che usiamo per trasmettere il nostro messaggio. La comunicazione para verbale è quella che si basa sul tono di voce, sul ritmo, sul volume e sulle pause che usiamo per enfatizzare il nostro messaggio. La comunicazione non verbale è quella che si basa sui gesti, le espressioni facciali, il contatto visivo e la postura che usiamo per accompagnare il nostro messaggio.

Rendere congruenti questi tre livelli di comunicazione significa farli corrispondere tra loro in modo da trasmettere un messaggio chiaro e coerente al partner. Ad esempio: se diciamo “Ti amo” con un tono di voce dolce e un sorriso sulle labbra, stiamo trasmettendo una comunicazione congruente. Se invece diciamo “Ti amo” con un tono di voce freddo e un’espressione seria sul viso, stiamo trasmettendo una comunicazione incongruente.