Vai al contenuto

Dismorfismo corporeo: anche Bianca Balti ne parla sui social

Dismorfismo corporeo: anche Bianca Balti ne parla sui social

Non è la prima volta che la super top model Bianca Balti affronta tematiche importanti: recentemente, dal suo seguitissimo profilo Instagram, ha parlato di dismorfismo corporeo. Un disturbo della percezione del proprio corpo che, sorprendentemente, ha colpito anche lei. La modella di Lodi ha raccontato la sua esperienza nel tentativo di trasmettere ai suoi follower positività e forza.

Che cos’è il dismorfismo corporeo

La maggior parte di noi ha qualche piccolo difetto che vorrebbe migliorare e non c’è nulla di strano in questo. Ci vestiamo in un certo modo, ci trucchiamo e ci prendiamo cura del nostro corpo con determinati trattamenti proprio per apparire al meglio, tentando di nascondere o migliorare quei difettucci che percepiamo come tali davanti allo specchio. 

Il dismorfismo corporeo invece è un vero e proprio disturbo psichico caratterizzato da una forte preoccupazione per uno o più difetti fisici. Questi non sono evidenti per le altre persone ma, per chi ne soffre, sembrano problemi insormontabili e debilitanti. L’ossessione di queste persone per il proprio aspetto fisico arriva addirittura a condizionare la loro quotidianità. Si specchiano più volte al giorno, si pesano o si misurano ripetutamente, rinunciano a determinate esperienze pur di non mostrare il proprio corpo.

Il dismorfismo corporeo non ha nulla a che fare con il reale aspetto fisico. Si tratta di un disturbo della percezione del sé e colpisce soprattutto le donne. Una casualità? Ovviamente no. Il corpo delle donne è il terreno sul quale si combattono le peggiori battaglie politiche, culturali e religiose. I modelli imposti sono irraggiungibili, la pressione folle, le pretese altissime. Per questo motivo, è sufficiente un periodo di fragilità, un momento particolarmente stressante, una sensibilità spiccata per cadere nella trappola e venire colpite da questo tipo di disturbi.

La testimonianza di Bianca Balti

Cadere nel baratro è un attimo e la testimonianza di Bianca Balti ce lo dimostra. La supermodella è da anni impegnata nella divulgazione del body positive e del girl power. Anche lei ha vissuto momenti difficili, superando 2 divorzi e una relazione tossica con San Lahoud. Ed è proprio per questo che ora porta avanti la rubrica su YouTube A letto con Bianca e utilizza il proprio profilo Instagram per discutere di problematiche riguardanti la percezione del sé e la cura dello spirito.

Recentemente la top model ha interpellato i suoi follower (1,2 milioni di persone, di cui l’80% donne). Alla domanda: “E voi di cosa vi vergognate? in molti hanno risposto di vergognarsi di qualcosa che riguarda l’aspetto. Bianca Balti ha allora colto l’occasione per parlare di dismorfismo corporeo, postando una sua foto nella quale è ritratta al fianco della piccola Mia appena nata.

“In questa foto avevo 20 kg in più, ero felicissima e mi sentivo bellissima (nonostante i chili e l’outfit orrendo)”, ha scritto la musa di Dolce & Gabbana. Aggiungendo poi: “Prima del mio divorzio pesavo 10 kg in meno di adesso ed ero andata da un chirurgo a chiedergli di fare una liposuzione.”

L’amore per il proprio corpo passa attraverso la cura dello spirito

Ma perché Bianca Balti ha affrontato il tema del dismorfismo corporeo raccontando questa storia? Ce lo spiega direttamente lei, concludendo la sua serie di stories con una considerazione davvero importante: “Tutto questo per dire che il comfort col nostro corpo cambia in base a quanto siamo serene con noi stesse. LA MEDICINA PER TUTTO È PRENDERSI CURA DELLO SPIRITO.” Questa storia ci insegna che anche una modella universalmente riconosciuta come una delle donne più belle al mondo può avere problemi con il proprio aspetto se, a livello psichico, non trova il giusto equilibrio. 

Leggi anche

Vanessa Incontrada: “Impariamo ad amare noi stesse”

Body positivity: amare il tuo corpo per stare bene

Carlotta Bertotti: la modella che ha fatto della diversità il suo più grande punto di forza