Vai al contenuto

Un posto al sole: un successo ventennale tutto italiano

Un posto al sole: un successo ventennale tutto italiano

un-posto-al-sole-copertina

Era il lontano 21 ottobre 1996 quando, su Rai Tre, venne mandata in onda la prima puntata di Un Posto Al Sole, divenuta la più longeva soap opera della tv italiana. Da allora, sono trascorsi ben 20 anni ma il format non ha subìto colpi, anzi il suo successo si è moltiplicato con il passare del tempo e il succedersi delle puntate. Può contare infatti su un pubblico di due milioni e 400mila telespettatori che ogni sera, dal lunedì al venerdì, segue fedelmente le storie avvincenti degli abitanti di Palazzo Palladini. Vent’anni di sceneggiatura, riprese, audience, senza mai fermarsi. Un record straordinario che non può non basarsi su alcuni piccoli “segreti” del loro successo televisivo: ecco quali abbiamo scoperto.

Un prodotto tutto italiano

Un posto al sole, Upas per i fedelissimi, è una fiction totalmente made in Italy. Dagli sceneggiatori al cast, tutti coloro che lavorano e collaborano per il format sono italiani, fattore che riempie di orgoglio nei confronti della qualità dei professionisti del nostro Paese. Un posto al sole, prodotto da RaiFiction, FremantleMedia Italia e Produzione Rai di Napoli, non solo è una grande azienda composta da attori e tecnici competenti e meritevoli ma è anche una grande famiglia. Basti pensare che alcuni attori, come Patrizio Rispo, che interpreta Raffaele, oppure Marzio Honorato, nei panni di Renato, sono presenti dalle prime puntate del ’96.

Una soap per tutti

Un altro fattore garante del successo di Upas è il carattere strettamente attuale della trama: i personaggi affrontano temi scottanti e di cronaca nera del Bel Paese (con un’attenzione particolare alla zona del napoletano, ovviamente), come la presenza caustica della camorra sul territorio o il fenomeno delle baby squillo, caratteristica che avvicina la fiction alla vita reale e al suo pubblico, costretto a vivere le stesse problematiche quotidianamente. Insomma, Un posto al sole non annoia perché, mescolando vari generi televisivi come la commedia, il thriller, il melò, racconta la vita italiana con i suoi drammi e le sue vittorie, le sue risate e le sue tragedie in un mix che rappresenta e accompagnagli italiani da vent’anni.

L'attore Patrizio Rispo nella soap opera "Un posto al sole" che festeggia le 4000 puntate con una mostra fotografica al Castel dell' Ovo. 22 Maggio 2014. ANSA/CESARE ABBATE/
L’attore Patrizio Rispo nella soap opera “Un posto al sole” che festeggia le 4000 puntate con una mostra fotografica al Castel dell’ Ovo. 22 Maggio 2014. ANSA/CESARE ABBATE/